Menu
RSS

CAIO alle prese con la determinazione degli operai SDA; e quelli delle Poste?

Da ieri pomeriggio (23 aprile) a domani mattina sciopero alla Sda di: Padova, Roma, Bologna, Firenze, Brescia,Torino,Stezano e torre Boldone (BG),Carpiano (MI).

Dopo aver fatto firmare su indicazione della Sda alle cooperative fornitrici dei magazzini il contratto di secondo livello (conseguito dopo tre scioperi nazionali, e una serie di azioni aziendali) il SI Cobas e l'ADL Cobas hanno promosso sul piano nazionale uno sciopero in tutti i magazzini dove sono presenti. L'adesione dei lavoratori è quasi stato al 100/100, solo a Bologna i pochi lavoratori iscritti alla USB sono entrati per lavorare, i crumiri non hanno toccato un collo perché gli scioperanti hanno bloccato uomini e mezzi.
Il motivo per cui i lavoratori hanno bloccato i magazzini più importanti è molto semplice: Sda condizionata dall'azienda poste non vuole dare le comunicazioni ai due sindacati maggiormente rappresentativi nei magazzini, ma vuole operare come se i due sindacati fossero dei fantasmi .
In pratica le poste italiane vogliono baipassare i sindacati per essere liberi di portare avanti la ristrutturazione e licenziare chi vogliono loro.

È' uno scontro politico, per i padroni non si può menzionare i sindacati di base. In questo caso sanno di avere a che fare con sindacati che non sono al loro servizio come avviene con la CISL delle poste e preferiscono subire danni economici e di immagine pur di non cedere e cercare di sconfiggerci. "Hanno fatto i conti senza l'oste", faremo vedere loro quanto possono resistere e vincere dei lavoratori organizzati. Il morale tra i facchini è molto alto proprio perché sanno che la posta in palio non sono solo degli aumenti salariali, ma la possibilità di non pagare la ristrutturazione che Caio, manager generale delle poste, vuole portare avanti. Ieri sera con i solidali abbiamo bloccato anche il magazzino di Firenze dove la Cgil gioca una finta opposizione al processo di ristrutturazione, ma non va al di la di qualche sciopericchio per tacitare le voci operaie che non accettano i licenziamenti voluti dai padroni.
Non passeran, poste e Sda proveranno sulla loro pelle cosa vuol dire la forza dei facchini organizzata nel Si COBAS e Adl.

SI Cobas nazionale