Menu
RSS

Sciopero recapito giugno-luglio 2013

La riorganizzazione in atto in Poste, che si realizza attraverso tagli di zone di recapito (ricordiamo che nel recapito al termine della riorganizzazione ci saranno 5264 eccedenze), aumento delle prestazioni lavorative quotidiane, incremento del numero e delle tipologie di attività, non tiene assolutamente conto della notifica degli atti Equitalia pur essendo estremamente delicata e quindi rilevante sia per i tempi che per i modi di espletamento.

L’attività di notifica degli atti Equitalia, aggiungendosi alla prestazione quotidiana sulle zone che è determinata da Poste e copre di per sé l’intero orario di lavoro, non vede alcun corrispettivo aggiuntivo, né economico né di altro tipo.

Si riconferma la necessità di uno strumento di autodifesa per tutti i lavoratori del settore che, per quanto ci riguarda, non possiamo che individuare nello sciopero delle prestazioni straordinarie ed aggiuntive.

Si dichiara una nuova astensione da ogni prestazione straordinaria e/o aggiuntiva comunque formulata per tutti gli addetti del settore recapito che eseguiranno la loro prestazione lavorativa esclusivamente all'interno dell'orario contrattuale giornaliero.
Lo sciopero avrà inizio il 12 giugno 2013 e si concluderà il 11 luglio 2013.